“Ma come può certa gente…”

Credeva di credere nella religione e provava una sofferenza genuina appena qualche dogma o precetto ch’era abituato a osservare venisse sottoposto a critica… La sofferenza che si camuffa da fede nelle classi borghesi. Fede non era, essendo inattiva; non gli dava nessun appoggio, né più ampie vedute; non esisteva fin quando non la toccasse l’opposizione, e allora doleva come un nervo inutile. Nella sua famiglia avevano tutti di quei nervi, e li consideravano divini quantunque né la Bibbia né il libro di preghiere né i sacramenti né l’etica cristiana, nulla insomma di spirituale, fossero vivi per loro. “Ma come può certa gente…” esclamavano in occasione di questo o di quell’altro attacco, e s’iscrivevano alle varie associazioni per la difesa del culto.

Edgar Morgan Forster, Maurice

(1914, pubblicato nel 1971)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...