Meraviglie bibliche #1

Il violatore del sabato messo a morte

Mentre i figli d’Israele erano nel deserto, trovarono un uomo che raccoglieva legna in giorno di sabato. Quelli che l’avevano trovato a raccogliere legna lo portarono a Mosè, ad Aaronne e a tutta l’assemblea. E lo misero in prigione, perché non era ancora stato definito che cosa fargli. Poi l’Eterno disse a Mosè: «Quell’uomo deve essere messo a morte; tutta l’assemblea lo lapiderà fuori del campo». Così tutta l’assemblea lo portò fuori dell’accampamento e lo lapidò; e quello morì, come l’Eterno aveva ordinato a Mosè.    (Numeri, 15:32-36)

Un po’ per caso mi sono imbattuto in questo simpatico passaggio biblico, davvero gustoso. Certamente il libro sacro “dettato da Dio” ne contiene molti altri di simili, prevalentemente nell’Antico ma anche nel Nuovo Testamento.

Se ve ne imbattete in qualcuno che vi piace particolarmente, segnalateli nei commenti. Chi scrive qui, avendo a cuore la propria igiene mentale, non legge molto di frequente quel libro forse (massì, facciamo i generosi e concediamo anche il beneficio del dubbio!) un po’ troppo sopravvalutato, ma se by the way dovesse imbattersene, proseguirà la serie.

Annunci

7 thoughts on “Meraviglie bibliche #1

  1. Puoi pensarla come vuoi, ma non è corretto attribuire la malafede agli altri: nessuna polvere sotto il tappeto, semplicemente per criticare una cosa va conosciuta.

    Se parli di “libro dettato” evidentemente hai dimenticato perfino le basi della scuola dell’obbligo, e in virtù di questa ignoranza ti poni in posizione dispregiativa verso chiunque “non tenga alla propria igiene mentale”.

    Detto questo, tu puoi continuare a pensare che la bibbia sia UN libro, sopravvalutato, da leggere, spacciato come “dettato da dio”, senza alcun valore culturale se non quello di raggirare persone disposte non si sa perchè a credere acriticamente a delle favole.. ma non ne capisco l’utilità, in nessun caso.

    • Se quello che ti turba è il dire che la Bibbia sia stata “dettata da Dio”, posso risolverla ammorbidendo il tutto con “ispirata da Dio” (a condizione che questo non diventi il pretesto per mezzo del quale si attribuisce tutto ciò che di bello c’è in quel libro a Dio e tutto ciò che c’è di cattivo agli uomini che l’avrebbero scritta).
      Il che non mi impedisce di criticare il continuo adeguamento delle tesi sostenute dalla Chiesa a seconda delle circostante. Ritenersi detentori della verità assoluta e poi cambiare versione quando quella precedente è diventata insostenibile È malafede. E finché ci si impunta sul possesso della verità assoluta e sulla condanna di chiunque non si adegui ad essa, non ci si può aspettare che non si additino la malafede e l’incoerenza di questo atteggiamento. Atteggiamento del quale, a mia volta, non capisco l’utilita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...