The Sessions (film, 2012)

Si chiamava Mark O’ Brien e, per una strana ironia della sorte, portava lo stesso cognome del cardinale di cui abbiamo parlato nel post precedente.

Questa, però, non è una storia di potere e abusi, ma di disabilità e sessualità. O’ Brien si ammalò di poliomelite all’età di 6 anni e questo ne provocò una disabilità che consisteva nella paralisi di tutto il suo corpo, esclusa la testa: ma questo non gli impedì di essere “poeta, giornalista e avvocato per i disabili” (Wikipedia). Dalla sua vicenda personale e da un suo articolo è stato tratto, nel 2012, il film “The sessions”, tradotto anche in italiano.

Si tratta di un film coinvolgente e che ancora oggi suscita sorpresa: perché, come osservammo in “Disabilità e sessualità”, ancora oggi si parla poco delle necessità dei disabili di avere una vita sessuale e affettiva completa, come tutte le altre persone.

Non anticipo null’altro sulla trama di “The Sessions”: il mio consiglio è soltanto uno, cercate questo film e vedetevelo…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...