Laicità: Cuperlo, Renzi e Civati a confronto

È noto che, domenica, il Partito Democratico eleggerà con elezioni primarie il proprio segretario. Proponiamo quindi la lettura di questa nota dell’Uaar che mette a confronto i tre candidati sui temi che più ci stanno a cuore: scuola pubblica, diritti delle coppie omosessuali, testamento biologico, ricerca scientifica.

Chi scrive, va detto, molto probabilmente non si recherà ai seggi delle primarie. Una scelta personale, che non mi esime dal provare a analizzare e informare le posizioni in fatto di laicità dei tre candidati alla guida del più grande partito italiano – posizioni, in quanto tali, rilevanti per le decisioni che poi si prendono in parlamento.

A nostro avviso il candidato più marcatamente laico è Civati: la sua storia, la sua mozione e le sue prese di posizione parlano chiaramente a favore del rilancio della scuola pubblica – troppo spesso “tagliata” per favorire l’istruzione privata, prevalentemente religiosa -, del matrimonio e delle adozioni di coppie omosessuali, del diritto del malato all’autodeterminazione e della libertà di ricerca scientifica.

Dal lato opposto sta Renzi, che tra i tre emerge come il meno laico: non tanto per la sua origine democratico cristiana, quanto per la scarsa chiarezza o in altri casi la timidezza delle sue posizioni. Per dare un’idea, Renzi propone per regolamentare le unioni omosessuali le “civil partnership” inglesi: civil partnership che però, in Inghilterra, sono già superate, dato che da gennaio sarà accessibile alle coppie omosessuali il matrimonio vero e proprio e non un suo surrogato. Manca, inoltre, una presa di posizione sulla scuola pubblica e laica, così come sul testamento biologico e sulla ricerca sulle staminali. Silenzi che pesano.

Cuperlo, infine, sembra collocarsi a metà strada fra gli altri due contendenti: difende la scuola pubblica, propone di regolamentare le unioni civili omosessuali senza spiegare nel dettaglio come vuole farlo, ed è favorevole a cambiare la legge sulla fecondazione assistita.

Vi lasciamo con questo piccolo quesito: voterete alle primarie di domenica? E se si, per chi?

Avvertenze: questo sondaggio non ha un valore statistico, essendo una rilevazione non basata su un campione elaborato probabilisticamente. Esso ha l’unico scopo di permettere ai visitatori di esprimere la propria opinione su temi di attualità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...