La fede è una cosa per vecchi?

Il rapporto Eurispes 2014 torna ad indagare il rapporto fra gli Italiani e la religione. Lo fa con un sondaggio dal quale emerge, in sintesi, che l’elezione di papa Francesco sembra aver rimotivato molti credenti – alta è la fiducia nel Papa, e tra i credenti cresce il numero di coloro che si dichiarano “praticanti”. Il nuovo Papa, però, non sembra aver eroso la quota di non credenti o credenti in un’altra religione, che cresce leggermente rispetto al 2010.

Un dato interessante, poi, è la distribuzione dei credenti praticanti nella popolazione rispetto all’età. Infatti, si dichiara credente e praticante:

  • il 50,2% degli ultra64enni;
  • il 31,7% di coloro che hanno tra 35 e 64 anni;
  • il 22,7% di coloro che hanno dai 18 ai 34 anni.

Percentuali che, in un certo senso, non sorprendono – la diminuzione dei credenti, specie dei più ferventi, fra le nuove generazioni è un fatto noto. Sorprende, però, l’entità di queste differenze.

PS: qui trovate una ampia sintesi del rapporto Eurispes (la scheda 54 è quella che parla di religione).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...