Il Feltri che non ti aspetti (video)

Se avete 3 minuti di tempo, date un’occhiata a questo video. Sì, lo sappiamo: vi stiamo mandando sul sito di Libero per vedere un video in cui parla Vittorio Feltri. Perché? Perché, se credessimo in un qualche Dio, verrebbe facile urlare al miracolo.

Intervenendo a una festa di Fratelli d’Italia, partito di destra che ha spesso fatto dei temi etici e dell’omofobia due dei suoi cavalli di battaglia, Feltri – uno dei giornalisti più apprezzati dal pubblico berlusconiano – espone, di fronte a una platea ostile, opinioni che nessuno si sarebbe mai aspettato di udire da lui: ed ecco che, tra i mugugni di un pubblico scandalizzato, Feltri spiega una dopo l’altra le ragioni per cui è favorevole all’eutanasia, ai matrimoni e anche alle adozioni da parte di coppie omosessuali.

feltri

I lettori forse penseranno: ma come, il solo fatto di aver cambiato opinione rende improvvisamente Feltri un giornalista credibile? Certo che no, Feltri era ed è tuttora colui che ha inventato il metodo Boffo e che per vent’anni ha cercato di giustificare qualsiasi nefandezza Berlusconi abbia compiuto.

Il motivo per cui ci è sembrato interessante postare questo video è un altro: se anche uno dei “pilastri culturali della destra italiana” (per usare un’iperbole) come Vittorio Feltri ha cambiato (inspiegabilmente) idea su questi temi al punto da sfidare a viso aperto le posizioni tradizionaliste della destra, i tempi devono essere davvero cambiati. C’è solo da augurarsi che anche il nostro Parlamento se ne renda conto e ne tragga le dovute conseguenze.

Annunci

One thought on “Il Feltri che non ti aspetti (video)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...