La Corte dei Conti boccia l’8 per 1000

È una bocciatura senza mezzi termini, quella arrivata ieri dalla Corte dei Conti nei confronti del meccanismo di assegnazione dell’Otto per Mille.

Il massimo organo di controllo italiano sul bilancio dello Stato, infatti, sembra aver fatto proprie le critiche che da anni vengono mosse all’Otto per Mille dal mondo laico: il meccanismo truffaldino per cui i soldi di chi sceglie di non destinare l’8 per 1000 vengono comunque spartiti in proporzione alle scelte espresse (al punto che “I beneficiari ricevono più dalla quota non espressa che da quella optata”), il livello abnorme di contributi pubblici (provenienti non solo dall’8 per 1000) alle confessioni religiose che non trova eguali nel resto d’Europa, il fatto che lo Stato (contro i propri interessi) non faccia nulla per competere con le confessioni religiose nelle scelte dei contribuenti e che utilizzi spesso in modo improprio le cifre introitate dall’8 per 1000, la mancanza di trasparenza su come vengono assegnati e poi spesi i fondi ricevuti, l’esclusione di alcune confessioni religiose, il fatto che in tempi di spending review i fondi “regalati” alle confessioni religiose continuino ad aumentare sono le principali obiezioni mosse dalla Corte dei Conti all’Otto per Mille.

Obiezioni, queste, che anche su questo blog abbiamo spesso posto in evidenza (specie analizzando le statistiche sull’Otto per Mille), e che trovano finalmente conferma nelle analisi di un ente imparziale che ha come unico obiettivo la verifica dello stato di salute dei conti pubblici. L’auspicio è che una così dura reprimenda, difficilmente contestabile nel merito, possa presto portare a una profonda revisione, se non all’eliminazione, dell’Otto per Mille. Il clericalismo che permea la politica italiana, tuttavia, non fa ben sperare in cambiamenti; e questo nonostante un Papa che, a parole, dice di volere una chiesa “povera fra i poveri” e che, nei fatti, continua a conservare tutti i propri privilegi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...