Papa Francesco e lo specchietto per le allodole

Non mi resta che commentare: ve l’avevo detto. Voi, che dall’insediamento di Papa Francesco continuate a illudervi che la Chiesa abbia per mezzo della sua più alta autorità cambiato posizione nei confronti degli omosessuali, vi siete lasciati fregare da un vecchio trucchetto da quattro soldi che comunemente si chiama specchietto per le allodole.

Tant’è vero che,

  1. dopo essersi strenuamente battuto contro la legge sui matrimoni gay promulgata dal governo argentino,
  2. dopo aver definito “invidia del demonio” i matrimoni omosessuali,
  3. dopo aver promesso mari e monti in un Sinodo poi conclusosi nel nulla,
  4. dopo aver sostenuto pubblicamente un referendum che avrebbe proibito in futuro qualsiasi forma di unione civile per le coppie omosessuali in Slovacchia,

ora il nostro prode papa Francesco torna a far parlare di se per due motivi:

Insomma, anche per voi che ancora vi illudete che la chiesa cattolica abbia sdoganato il tabù omosessualità sembra essere arrivato il momento di prendere atto di tutto questo e fare i conti con la realtà: non solo la chiesa cattolica è a tutt’oggi il principale motore dell’omofobia in Italia, ma l’adorabile papa Francesco è saldamente alla guida delle battaglie della chiesa contro i diritti degli omosessuali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...