Uomini che decidono sul corpo delle donne: Trump ordina restrizioni su aborto

_93784268_828d316b-0dae-4ced-bbda-7606f5cf6cdc

Quest’immagine ha fatto il giro dei social media. Perché? Perché raffigura il nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, mentre firma la messa al bando di contributi federali statunitensi a qualunque associazione internazionale che non solo aiuti a praticare, ma addirittura si limiti a fornire informazioni sull’aborto. E perché, ovviamente, raffigura una pletora di uomini in una stanza dove si prendono decisioni sul corpo delle donne.

In pratica, la norma vieta alle organizzazioni non-governative che ricevano contributi dal governo statunitense di praticare l’aborto, o promuoverlo, all’estero. La mossa non è nuova: fu introdotta dal presidente repubblicano Reagan nel 1984, abolita dal democratico Clinton, reintrodotta dal repubblicano Bush e poi nuovamente abolita dal democratico Obama.

La normativa, insomma, è un vecchio cavallo di battaglia dei repubblicani americani, tradizionalmente ostili al ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza. Significativo è che Trump, che pure non si può considerare un repubblicano convenzionale, abbia deciso di reintrodurla. Un segnale preoccupante del fatto che, probabilmente, Trump porterà avanti le posizioni misogine e omofobe dei repubblicani americani.

Annunci

4 thoughts on “Uomini che decidono sul corpo delle donne: Trump ordina restrizioni su aborto

  1. Ciao, premesso che il senso dell’articolo è condivisbilissimo, non mi è chiaro come funziona la norma: vieta la pratica dell’aborto all’estero da parte di cittadini americani? Grazie per i chiarimenti….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...